Ribera Online Tv

Loading...

15 settembre 2006


Il governatore della Sicilia Totò Cuffaro ancora insiste e scalpita affinchè si realizzino i 4 termodistruttori che lui ha previsto in Sicilia (di cui uno in provincia di Agrigento). Contro il ministro Pecoraro Scanio che ne ha bloccato la realizzazione, Cuffaro tuona che la scelta operata di costruire gli inceneritori è la più congrua dal punto di vista della salvaguardia ambientale e della salute. Voglio ricordare a questo signore che le sostanze chimiche emesse da tali strutture comprendono: composti organici del cloro (diossine, furani , PCB), IPA (policarburi policiclici aromatici), VOC (composti organici volatili), elementi in traccia (piombo, cadmio e mercurio), acido cloridrico, ossidi di azoto, di zolfo e di carbonio. Molti dei composti emessi sono persistenti, bioaccumulabili e tossici. Pongono un rischio sanitario, in quanto sono sostanze cangerogene e altamente tossiche. C'è un rischio ambientale in quanto le sostanze emesse inquinano l'aria, il suolo e le falde acquifere. Sono finanziati con ingenti investimenti economici dallo stato. Disincentivano la raccolta differenziata. Non creano occupazione. Non garantiscono un alto recupero energetico.

4 commenti:

unonormale ha detto...

bisogna differenziare la raccolta e riciclare...per l'energia puntare pesantemente sulle fonti pulite e naturali

Arianna ha detto...

dovrebbe difendere gli interessi dei siciliani...invece fa soltanto i suoi...hasta la vista

Anonimo ha detto...

non si puo pensare di risolvere il problema bruciando la spazzatura è una follia

Anonimo ha detto...

Cuffaro è mafioso, nel senso che gestisce la cosa pubblica con una mentalità mafiosa, amico dei mafiosi, con un conflitto d'interessi enorme, dal momento che possiede quote di alberghi e ospedali.
Guardiamoci intorno in sicilia non funziona una minchia, e noi ce ne stiamo ancora a discutere su Cuffaro.
Tutto ciò è innaturale, un popolo normale sarebbe già insorto da tempo.
Noi siciliani meritiamo la merda che abbiamo perchè fino ad ora la vogliamo....e ci piace!